I versi della carrozzella

Copertina del libro I versi della carrozzella
Copertina del libro I versi della carrozzella

I versi della carrozzella” è il mio secondo libro, un volume autoprodotto sulla piattaforma di self-publishing Youcanprint.it, soluzione che consiglio vivamente. Uscito il 16 gennaio 2016, contiene 60 poesie scritte nell’arco di 20 anni ed è una sorta di diario in versi.

In giro ci sono oltre 400 copie del libro, gran parte acquistate alla fine delle presentazioni, avvenute tra Napoli e provincia ma anche in Puglia e in Sicilia, o sugli store on line e nelle librerie fisiche. Considerando che mi sono occupato di ogni passaggio, dalla scrittura all’editing, dalle presentazioni alla vendita, con l’aiuto di qualche amico, credo si tratti di un buonissimo risultato. Mettersi a vendere i propri libri in un paese dove si scrive molto e si legge pochissimo è una scommessa impossibile che solo un pazzo avrebbe accettato. E io un po’ folle lo sono sempre stato.

Com’è nato “I versi della carrozzella”

Come ho sempre detto, questo è un libro nato su richiesto. Ho sempre scritto poesie e negli ultimi anni ne pubblicavo qualcuna sul mio profilo Facebook, raccogliendo ottimi consensi. E qualche amico mi consigliava di non sprecarle in quel modo, ma di raccoglierle in un libro.

Così, in un periodo un po’ buio della mia vita, ho deciso di tuffarmi in questa nuova avventura intrapresa anche per darmi uno scossone. Allora ho selezionato la piattaforma di self-publishing che più mi convinceva e ho scelto le poesie che ritenevo più degne di pubblicazione. Poi ho chiesto al mio amico Alessandro Tavella di disegnarmi la copertina e a Francesco Di Bella, popolare cantautore napoletano, di scrivere la prefazione. Le sue canzoni, eseguite prima da leader dei 24 Grana e poi da solista, hanno fatto da colonna sonora agli ultimi 25 anni della mia esistenza, quindi mi è sembrata una buona idea affidare a lui il compito di presentare i miei versi e l’ha fatto in modo impeccabile.

I temi del libro

Il tema principale trattato in questo piccolo volume, che conta 72 pagine, è l’amore in tutte le sue declinazioni: per una donna (o le donne in generale), per la mia città o per me stesso. Ma ci sono anche poesie dedicate ad amici o alla difficoltà di vivere la disabilità in un mondo in cui conta soprattutto l’apparenza.

Curiosità

I versi della carrozzella” è stato anche presentato al Tgr Campania nel luglio 2016, ma la soddisfazione più grande sono gli oltre 100 selfie che riprendono i lettori con il libro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *