La mia passione per la letteratura e i libri

La mia passiona per la letteratura e i libri
La mia passiona per la letteratura e i libri

Lo ammetto, nella mia vita non sono stato un buon lettore. Non perché non mi piacesse leggere, tutt’altro, ma avevo evidenti difficoltà a maneggiare l’oggetto libro. Il mio handicap mi rendeva difficile sfogliare le pagine, i miei problemi di vista facevano in modo che mi stancassi presto. Perciò, potevo leggere solo seduto alla scrivania, sotto la luce della lampada. E in questo modo i libri diventavano una costrizione più che un piacere. Infatti, ho letto molto più per studio e per lavoro, mentre nel tempo libero preferivo fare altro. Poi sono arrivati gli eBook e il mio rapporto con i libri è cambiato.

I libri che ho amato tra l’infanzia e l’adolescenza

Anche se non sono stato un buon lettore, per ogni fase della mia vita ci sono dei libri e degli autori da citare. Da bambino i primi volumi che ho avuto tra le mani sono stati “Le avventure di Pinocchio” (il link porta all’eBook gratuito su Amazon) e “Robin Hood nella foresta di Sherwood” (sull’esattezza del titolo non ci metterei la mano sul fuoco). Dell’adolescenza, invece, ricordo “La morte a Venezia” di Mann, “Il ritratto di Dorian Gray” di Wilde, “La fattoria degli animali” di Orwell, “Il vecchio e il mare” di Hemingway. Qualcuno l’ho letto da solo, con fatica, qualcun altro mi è stato letto. Ma erano sempre troppo pochi per poter pensare di passare dall’altra parte e diventare uno che le storie le racconta: per essere un bravo scrittore bisogna prima essere dei buoni lettori.

Gli eBook mi hanno cambiato la vita

Poi sono arrivati gli eBook a cambiarmi la vita. Finalmente potevo leggere ciò che volevo, senza preoccuparmi del numero delle pagine, della grandezza del volume o dei caratteri troppo piccoli. Così negli ultimi 15 anni sono diventato un assiduo lettore, tanto che anche la mia scrittura ne ha tratto parecchio giovamento. E sono arrivati due libri pubblicati, vittorie e piazzamenti in concorsi di narrativa e poesia, collaborazioni e tante altre belle soddisfazioni.

Ho anche studiato su diversi manuali di scrittura creativa, perché il talento e le idee da soli non bastano, c’è bisogno d’imparare anche la tecnica e quella te la possono insegnare solo gli altri, quelli più bravi di te.

I miei libri:

All’ombra della grande fabbrica (2009)

I versi della carrozzella (2016)