I Malatja tornano con «Ruminogioia» e festeggiano le nozze d’argento

Malatja Ruminogioia

I Malatja tornano con un nuovo album dal titolo “Ruminogioia”, otto tracce cantate tutte in italiano. Un disco che segna anche un momento importante per la band di Angri, che festeggia 25 anni di musica insieme. Un quarto di secolo in cui Paolo Sessa (voce e chitarre), Daniela De Martino (basso e cori), Camillo Mascolo (batteria e cori) hanno continuato a suonare il loro rock che sa di grunge e punk: un ponte che dal 1993 collega Seattle all’entroterra campano.

Una longevità che trova le sue ragioni nella loro coesione, coerenza e perseveranza, che non vuol dire replicare se stessi e rinunciare alla sperimentazione. Al contrario, proprio l’esigenza di cercare nuovi suoni e altri linguaggi probabilmente ha contribuito a tenere insieme il gruppo per tutti questi anni.

“Ruminogioia” segna una svolta

“Ruminogioia” è la riprova di questa voglia di battere nuove strade. Infatti, in questo disco i Malatja abbandonano la lingua napoletana e le tematiche sociali e popolari, per cantare in italiano dell’amore e della vita. D’altro canto, però, non rinunciano alla vena ironica e dissacrante, tipica della loro musica, con cui interpretano la realtà che li circonda.

Ne sono nati otto brani leggeri, che scorrono via come acqua fresca. Ma a un secondo e terzo ascolto restano i giochi di parole e l’accattivante melodia di “Muoio d’amore per Sara” (Sara, se muoio d’amore nell’aria…); l’armonica e la chitarra acustica di “Conquisteremo l’Ikea”, una moderna favola d’amore cantata e suonata con Francesco Di Bella. È ancora l’amore protagonista di “Bruci di me” insieme alla chitarra elettrica, dove la passione riesce a bruciare anche un cuore di ghiaccio; mentre “Odio settembre” è un malinconico addio all’estate e sono ancora le chitarre elettriche a mettersi in evidenza. In “Semplice” si torna a parlare d’amore: con la fiducia nell’altro una coppia può superare tutte le difficoltà in modo semplice. Alla fine il disco risulta godibile e ti viene voglia di riascoltarlo.

Anche un video e un tour per i Malatja

Uscito giovedì 14 febbraio anche in versione vinile, “Ruminogioia” è il quinto disco dei Malatja, che l’hanno presentato in anteprima alla Casa della Musica in occasione del Vinylove lo scorso 10 febbraio. Domani 17 febbraio, invece, la band terrà uno showcase al Kestè Abbash (largo S. Giovanni Maggiore Pignatelli, ore 22.30), primo di una serie di live. Poi il tour proseguirà con queste date: il 23 Febbraio al Bistrot PianoB (Viggiano, Potenza), l’1 Marzo a Il Moro di Cava de Tirreni (Sa), il 23 Marzo al Periferica Konnection di Fisciano (Sa) e il 29 Marzo all’Ark pub di Angri (Sa).

L’uscita di “Ruminogioia” è stata anticipata da quella del videoclip di “Odio settembre” pubblicato il 14 marzo 2018 e diretto da Alessandro Stecca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *