“Enzo” di Gennaro Morra letta da Arduino Speranza

Featured Video Play Icon

Il sontuoso Arduino Speranza legge “Enzo”, una poesia dedicata a un mio caro amico barman, andato via troppo presto da questo mondo. La lirica fa parte della raccolta “I versi della carrozzella“, edito nel 2016 da Youcanprint. Di seguito trovate il testo e la traduzione dal napoletano all’italiano.

Enzo

‘Na vita sana arrete a ‘stu bancone
Era o’ munno ca passava ‘a llà.
Tutt’’e sere gente ‘e ogni specie
C’’a scusa ‘e bbere se veneve a cunfessà
E te cuntavano sempe ‘e stessi storie
Ammore, arraggia, bellezza e ‘nfamità.
E doppo ‘na resata o ‘na chiagnuta
Dicive: “Bive! Bive! Nun te ne ‘ncarricà”.
Quanta notte arreta a ‘stu bancone
‘Ngopp’’a ‘sta striscia ‘e marmo vulive fà ‘a rivoluzione
Ma ‘a gente ‘e oggi mica s’arrevota
Pensa justo a bbere
Ca pò dimane s’accummencia ‘n’ata vota.

ENZO

Una vita intera dietro questo bancone
Era il mondo che passava di là.
Tutte le sere gente di ogni tipo
Con la scusa di bere si veniva a confessare
E ti raccontava sempre le stesse storie:
Amore, rabbia, bellezza e infamità.
E dopo una risata o un pianto
Dicevi: “Bevi! Bevi! Non fartene carico”.
Quante notti dietro questo bancone
Su questa striscia di marmo
Volevi fare la rivoluzione
Ma la gente di oggi mica si rivolta
Pensa giusto a bere
Che poi domani s’incomincia un’altra volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *